Donne sospese

Ciriaca Erre
Ciriaca+Erre

Ciriaca+Erre è un’artista di Matera che vive tra Londra e la Svizzera. Le sue opere spaziano dalla performance al video, dalla pittura alla fotografia, dalla scultura all’istallazione. Nei giorni scorsi ha deciso di proiettare un video di denuncia da lei creato in una strada di Milano, Suspended Woman 2016.  L’ Evento di Con-Temporary Art voluto da Poincaré Investments Limited eMostyn Visual Arts Centre del Galles, a cura di Alfredo Cramerotti e il sostegno di Aero Service, è un’opera site-specific breve, centoventi minuti che riflettono sulla sottomissione sociale, domestica e psicologica delle donne, in passato e nel presente.

Il video rappresenta un’antitesi dello spot pubblicitario, è un racconto fatto di suggestioni astratte e contrastanti alle quali si sovrappongono spot sessisti e anti femministi degli anni Sessanta e Settanta.

Il comune di Milano ha interrotto l’istallazione, vietando la proiezione del video.

Ho avuto il piacere di parlare con Ciriaca+Erre del suo lavoro  e delle motivazioni che hanno portato il comune a spegnere il suo video.


  • Come nasce il progetto e la sua idea?

Lavoro da molto tempo a quelle che io chiamo identità sospese che, come le eterotopie del filosofo Michel Foucalt, rappresentano un luogo reale di discostamento dagli spazi ufficiali, uno specchio che restituisce una rappresentazione virtuale e allo stesso tempo tangibile dell’esistenza. Suspended woman nasce, come molti miei lavori, da uno sguardo intimo che si riflette sul sociale. Il progetto comprende una ricerca molto più ampia dove ho raccolto molto materiale, interviste a donne che hanno subito violenza, ragazze madri, criminologi. Ho assistito in carcere a sedute di psicoterapia con i sex offenders . E molto altro. Questo video ne è un brevissimo estratto, un’opera site specific, che in veste di un anti spot, voleva creare un’ interazione nel contesto urbano.

  • Perché definisce le donne “sospese”?

Donne Sospese tra il passato e il futuro, in una fase di cambiamento, in un momento di transizione non ancora definito. Non hanno ancora conquistato un ruolo definito ne la consapevolizzazione dell’importanza di questa nuova identità. La società, i figli, l’uomo, la famiglia sono ancora scossi e in fase di adattamento, alla ricerca di un nuovo equilibrio che sarà possibile solo tagliando il cordone ombelicale di vecchi schemi e relazioni distorte.

  • Nel suo video sono presenti le fasi di operazioni di lifting e di modifiche, a volte dolorose, del corpo femminile. Perché?

Rifletto sul rapporto della donna con se stessa e con il dolore, che ne evidenzia una sorta di assuefazione alla spasmodica ricerca di un’anelata idea di perfezione che ci rende schiave.

Estratto video
Estratto video
  • Cosa rappresenta la distruzione della casa all’interno del video?

La casa, la famiglia perfetta, rappresentano la prigione dorata dentro i quali si cerca riparo e dietro le quali si nascondono grandi malesseri della società. La distruzione dei muri ne sottolineano la fragilità e l’importanza di consapevolizzare e portare alla luce quanto si tenta di nascondere.

  • Numerosi sono i riferimenti alle pubblicità degli anni 50, dove le donne venivano offese, derise e trattate come oggetti sessuali. Ad oggi la situazione non è però migliorata…

Si, a volte ci illudiamo di aver superato gli errori e le difficoltà del passato rivivendoli con modalità differenti. Per questo è importante una consapevolizzazione profonda al fine non ripetere la storia.

13340510_10208448607908611_555590011_o

  • Lei ha deciso di esporre pubblicamente il suo video in strada. Perché?

Credo fortemente che il ruolo dell’artista sia quello di seminare idee attraverso l’arte, smuovere delle cose nella società e mobilitare una coscienza collettiva. L’arte non deve rimanere un privilegio di pochi, ritengo quindi doveroso, seppur faticoso, portarla fuori dai luoghi ad essa deputati.

13340523_10208448610788683_342895831_o

  • Quali reazioni ha provocato? Quali sono stati i commenti?

L’arte può essere uno specchio della società che riflette quanto si nasconde dietro una superficie imbellettata. Quanto è accaduto a Milano (la sospensione del video. ndr) con il mio ultimo video, sottolinea concettualmente il senso e la portata di questo lavoro. Sono stata felice di avere il supporto della stampa e soprattutto i commenti toccanti, profondi e spontanei del pubblico sui social network , parole che possono essere un grande sostegno per un’ artista che è consapevole di aver intrapreso una strada ardua e solitaria che esige resilienza, coraggio e raramente ha la fortuna di avere questo calore e supporto esterno.

  • Sappiamo che il video è stato spento dal comune di Milano. Quali sono le motivazioni?

– (…) la trasmissione del video con le modalità previste confligge con le norme del Regolamento della Pubblicità del Comune di Milano , approvato dal Consiglio Comunale.-Ecco la spiegazione, se tale possiamo definirla, arrivata in questi giorni in cui l’Italia è basita dall’ennesimo brutale omicidio, dove una ragazza di 22 anni è stata bruciata viva dal suo ex fidanzato. In netta contraddizione con l’esigenza di comunicare il più possibile situazioni di allarme, di non rimanere in silenzio. Mi rattrista constatare come proprio le autorità mettono a tacere iniziative artistiche atte a sensibilizzare e a evidenziare malesseri della società che si tendono a nascondere.

  • Spesso, parlando di pubblicità sessiste e comportamenti nati per perseguire il modello di perfezione standardizzata imposta dalla società, ho trovato persone che a brutto muso mi hanno detto di essere esagerata, bacchettona e che molti cambiamenti si fanno per piacersi di più e non perché dettati subdolamente. Lei cosa risponderebbe a queste persone?

Tali modelli, canoni e costrizioni per compiacere in primis un universo maschile, sono diventati talmente “normali” che è difficile vederli e riconoscerli come errati. Purtroppo ci rendono ancora oggetto di possesso e inconsciamente sottomesse.

  • Un saluto per i nostri lettori e le nostre lettrici?

Un caro saluto a un pubblico attento e consapevole, grazie al quale si può auspicare il nascere di una nuova società.

One comment

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...