Sophie Scholl, il coraggio di una studentessa

Sophie Scholl nacque il 9 maggio del 1921 a Forchtenberg in Baviera e morì per esecuzione a Monaco di Baviera, il 22 febbraio 1943. Fu imprigionata, insieme al fratello maggiore Hans, e in seguito condannata a morte per ghigliottina per la sua attività antinazionalsocialista in opposizione al Terzo Reich.

Morì a soli ventidue anni, accusata di alto tradimento e di oltraggio a Hitler.

Ma chi era Sophie Scholl? E che cosa aveva fatto per essere condannata alla pena di morte dal tribunale del Terzo Reich?

21123_sophie-schollSophie era una studentessa che frequentava l’università a Monaco di Baviera, iscritta a Filosofia e Biologia. Insieme al fratello faceva parte del gruppo attivista antinazista di ispirazione cristiana la “Rosa Bianca”, un movimento di ribellione non violenta composto in gran parte da studenti universitari.

Viso pulito, occhi grandi ed espressivi, dotata di una grande intelligenza e di un forte senso di giustizia sociale. Amava leggere i classici, ascoltare musica, e fare passeggiate in campagna a contatto con la natura.

Adolescente, partecipò alla Hitler Jugend (gioventù hitleriana), ricoprendo ruoli di guida come quello di Führerin. Ma nell’arco dei tre anni Sophie si trova a maturare un senso di ribellione che la spinge ad approfondire sempre più il disagio e il disaccordo con le ideologie propugnate dal partito nazionalsocialista.

Esce dalla Hitler Jugend e inizia un percorso intellettuale e di coscienza che la porterà ad allontanarsi dall’ideale hitleriano. Intraprende gli studi classici e si confronta con i trattati filosofici e religiosi, concentrandosi in particolare sulla lettura del rinnovamento cattolico francese.

Per Sophie sono molto importanti la coerenza e l’onesta intellettuale:  «come ci si può  aspettare che il destino conceda vittoria ad una giusta causa, quando nessuno è pronto a sacrificarsi pienamente per essa?».  Gli studenti che aderirono a la “Rosa Bianca” diedero l’avvio all’attività resistenziale, inizialmente con la stesura di centinaia e poi di migliaia di volantini diffusi per le città austriache e tedesche del Reich. La resistenza interiore e spirituale dei ragazzi divenne quindi un atto politico, in cui manifestavano e condannavano l’ideologia del partito e la guerra sanguinaria imposta da Hitler. Rivendicavano il diritto alla libertà di espressione e di stampa, e condannavano la discriminazione nei confronti degli ebrei.

1175_bigLa mattina del 18 febbraio 1943, mentre distribuiva dei volantini all’Università di Monaco, Sophie fu arrestata insieme al fratello Hans. Fu sottoposta per quattro gironi all’interrogatorio da parte della Gestapo. Nonostante il duro trattamento e le intimidazioni, Sophie resistette con tutte le sue forze, appellandosi alla forza d’animo e alla convinzione delle proprie idee. Si rifiutò di fare i nomi degli altri studenti coinvolti nell’attività antinazionalsocialista della “Rosa Banca”, anche se questo le avrebbe salvato la vita. Rispose così al poliziotto investigatore della Gestapo durante i ripetuti interrogatori: «non tradirò mai ciò in cui credo e non tradirò mai i miei compagni».

Né lei, né il fratello Hans e l’amico Christoph Probst, fecero i nomi dei loro compagni assumendosi ogni responsabilità. Non accettarono di firmare nessuna ritrattazione consapevoli che ciò li avrebbe fatti condannare a morte.

Sophie aveva solo ventidue anni ma dimostrò una dignità e un coraggio incredibili, accettando le conseguenze della sua onestà intellettuale, rassicurando i genitori nell’ultimo saluto prima di venire condotta alla ghigliottina, e non versando nemmeno una lacrima davanti ai suoi aguzzini.

Silvia Lorusso

Riquadro interrogatorio:

Riporto uno stralcio di interrogatorio utile per conoscere la grandezza intellettuale di questa giovane tedesca:

Pubblica Accusa: voi sta a cuore l’incolumità del popolo tedesco signorina Scholl?

Sophie: sì.

Pubblica Accusa: Certo, voi non avete mai piazzato una bomba come il vile Eisner fece nella distilleria di Monaco, forse avete usato gli slogan sbagliati ma i vostri mezzi sono pacifici.

Sophie: Allora perché volete comunque punirci?

Pubblica Accusa: Perché così e previsto dalla legge; senza legge non c’è ordine.

Sophie: La legge che avete appena nominato tutelava la libertà di parola prima che il nazionalsocialismo salisse al potere nel ‘33. Oggi Hitler punisce quella stessa libertà con la prigionia e la morte. Questo lo chiamate ordine?

Pubblica Accusa: E a che cosa dovrei attenermi secondo lei, se non alla legge. Chiunque sia a formularla.

Sophie: Alla coscienza

Pubblica Accusa: Sciocchezze

Sophie: Ma le leggi cambiano, la coscienza no.

Pubblica Accusa: Questa è la legge e queste sono  le persone.  in quanto investigatore ho il dovere di verificare se coincidono ed in caso contrario  individuare  le mele marce.

Sophie: Senza Hitler e il suo partito avremo ancora giustizia e ordine.

Pubblica Accusa: Dove finiremmo se ciascuno decidesse da se cosa e giusto e  cosa è sbagliato, se permettessimo ai criminali di destituire il Fuhrer avremo il caos, libertà di pensiero, federalismo democrazia li abbiamo già visti sappiamo bene dove conducono.

Sophie: Tutti saremmo difesi dal dispotismo, e non solo gli opportunisti.

Pubblica Accusa: Dispotismo, opportunisti voi usate termini molto offensivi!

Sophie: Voi siete offensivo! Definite me e mio fratello dei criminali solo per dei volantini. Abbiamo solo cercato di convincere la gente con le parole.

Pubblica Accusa: Voi e tutti quelli come voi abusate  senza vergogna  dei vostri privilegi studiate a nostre spese in tempo di guerra. Io ero solo un sarto prima, sono diventato poliziotto grazie ai francesi dei territori occupati, non ai tedeschi democratici e senza il nazionalsocialismo oggi sarei solo un poliziotto di campagna. Quel vergognoso patto di Versailles, la povertà, la disoccupazione l’inflazione è stato il nostro Fuhrer Adolf Hitler che ci ha salvato da tutto.

Sophie: E ci ha trascinato in una guerra sanguinaria dove ogni singola vittima muore invano.

Pubblica Accusa: E una lotta eroica la guerra e voi ricevete le stesse razioni di vivere degli uomini contro cui vi schierate come vi permettete di giudicarci il Fuhrer e i nostri soldati vi proteggono

Sophie: E dove, in questo palazzo forse? O arrestando tutta la mia famiglia.

Pubblica Accusa: I nostri soldati stanno liberando la Germania dalla plutocrazia e dal bolscevismo e stanno lottando per una grande Germania libera. Nessuno occupera più il suolo tedesco, glielo garantisco.

Sophie: Finché non finirà la guerra e arriveranno le truppe straniere e ci diranno che non ci siamo opposti a Hitler.

Pubblica Accusa: Cosa direte quando giungerà la vittoria finale, quando in Germania arriveranno quella libertà e quel benessere in cui voi stessa credevate con la lega delle giovani ariane.

Sophie: Nessuno ormai crede più alla Germania di Hitler.

Pubblica Accusa: E se invece finisse come dico io! Vi dichiarate protestante,  la chiesa chiede assoluta devozione ai suoi fedeli anche quando hanno dei dubbi.

Sophie: Sì, la chiesa da libertà di scelta mentre Hitler e i nazionalsocialisti non ci lasciano decidere.

Pubblica Accusa: Perché così giovane correte simili rischi per delle idee che non hanno fondamento?

Sophie: Io seguo la mia coscienza.

Pubblica Accusa: Siete così intelligente. Perché non condividete il sentimento nazionalsocialista; libertà, benessere, onore  e un governo moralmente ineccepibile! In questo crediamo.

Sophie: Dopo il bagno di sangue in cui ci hanno trascinato i nazionalsocialisti non avete ancora aperto gli occhi. La Germania è disonorata per sempre, a meno che i giovani non fondino una nuova Europa.

Pubblica Accusa: La nuova Europa non potrà che essere nazionalsocialista.

Sophie: E se Hitler fosse pazzo? Pensate all’odio razzista. E ai migliaia di ebrei a Monaco scomparsi nel ‘41 e deportati nei campi di lavoro.

Pubblica Accusa: Voi credete a queste sciocchezze? Gli ebrei emigrano da sempre.

Sophie: I soldati che tornano da est hanno visto i campi di sterminio. Hitler vuole eliminare tutti gli ebrei d’Europa. Predica questo da vent’anni, ma gli ebrei non sono diversi da noi.

Pubblica Accusa: Quella gente porta soltanto problemi. Ma voi siete una generazione confusa e non capite, siete stati educati male, e forse la colpa è nostra; anche se io vi avrei educato diversamente.

Sophie: Vi rendete conto di quanto mi abbia sconvolto scoprire che i bambini ritardati venivano eliminati con gas e veleno. Venivano prelevati dagli ospedali psichiatrici per essere eliminati. Con le camionette le SS andavano davanti agli ospedali, gli altri bambini chiedevano alle infermiere dove andassero i loro compagni. Le infermiere rispondevano loro che andavano in paradiso; e allora i bambini salivano sulle camionette cantando. E io non dovrei provare pena per questa gente?

Pubblica Accusa: Si tratta di esseri inferiori. Voi che avete studiato da infermiera avrete visto più volte dei bambini ritardati.

Sophie: In nessuna circostanza ci si può arrogare il diritto di decidere della vita e della morte di un essere umano.

Pubblica Accusa: Forse e meglio che vi abituate all’idea che una nuova era è cominciata; quanto voi sostenete e avulso da qualsiasi realtà.

Sophie: Quello che sto dicendo ha a che fare con la realtà, con la decenza, la morale e Dio.

Pubblica Accusa: Dio, Dio non esiste. Signorina ora dite la verità, vostro fratello vi ha convinta dicendovi che era giusto ciò che stava facendo e voi lo avete semplicemente aiutato, non e questo quello che dovremo scrivere nel protocollo?

Sophie: No, perché non è vero.

Pubblica Accusa: Sapete io ho una figlio, è un anno più giovane di voi, anche lui aveva delle strane idee ma ora è al fronte orientale perché ha capito che deve compiere il suo dovere.

Sophie: Voi credete ancora nella vittoria finale?

Pubblica Accusa: Dannazione se almeno aveste riflettuto a dovere, non vi sarete mai fatta coinvolgere in questa brutta storia; rischiate la vita.

Bene secondo il protocollo passo  leggervi la seguente domanda:  in seguito ai nostri colloqui siete disposta ad ammettere che le attività svolte congiuntamente a vostro fratello  Nella fase attuale della guerra possano essere considerate un crimine contro la comunità? In particolare contro i nostri soldati che combattono duramente al fronte orientale e che meritino il massimo della pena?

Sophie: Dal mio punto di vista non è così!

Pubblica Accusa: Ammettere il vostro errore non significa tradire vostro fratello.

Sophie: Ma tradirei le mie idee e io non rinnego nulla, siete voi ad avere una visione sbagliata del mondo. Sono convinta di aver agito nell’interesse del mio popolo, non mi pento di questo e ne accetterò tutte le conseguenze.

Pubblica Accusa: Allora è finita, signorina Scholl.

Annunci

6 commenti

  1. figo hanno fatto il film!!! Io voglio assolutamente leggere “la rosa bianca non vi dara’ pace” di Paolo Ghezzi che, ho sentito descrive molto bene quello che fecero questi ragazzi poco piu’ giovani di me.

    Dovrebbero metterli nei libri di scuola! quando studiavo fascismo e nazismo mi chiedevo se ci fossero persone ai tempi che nonostante tutto avessero capito a cosa sarebbero andati incontro e che alla fine il governo totalitario non avrebbe certo portato alla grandezza di una nazione, In Italia abbiamo avuto qualche esempio (Matteotti e pochi altri) in Germania non ne avevo proprio idea (ammetto che e’ solo da qualche anno che ho scoperto l’esistenza dei Lebensborn ) Mi dicevo che probabilmente ai tempi la (maggior parte) della gente era molto ignorante non certo per colpa sua, come da noi anche da loro non tutti potevano permettersi un’istruzione quindi era piu’ facile farsi fregare.

    La cosa che mi fa spavento e’ vedere ORA ragazzini di 13-14 anni fare il saluto romano e simili delizie fascio-naziste, peccato che abbiano UNA MAREA di strumenti in piu’ della gente di allora per rendersi conto di quanto stanno facendo.

    Liked by 1 persona

  2. ops, chiedo scusa per la mia ignoranza, credevo che il film fosse nuovo invece e’ uscito anni fa, beh meglio cosi’: potro’ trovarlo e guardarlo.

    E Alles Gute zum Geburstag Sophie (buon compleanno Sophie)

    Liked by 1 persona

  3. Ottimo post su una delle figure storiche più coinvolgenti dello scorso secolo, se lo desideri, troverai molte informazioni sulla pagina facebook (in inglese) che trovi online (quella con più like) e che, pensa te, è amministrata da un italiano e da un norvegese … l’italiano sono io …. ti aspetto lì…

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...