“4 Petali Rossi”: storie di rose divelte

“4 Petali Rossi” è un’antologia di racconti edita da Arpeggio Libero nel 2016, i cui proventi sosterranno il progetto Befree della “Casa delle Donne nella Marsica”. Le autrici sono: Arianna Berna, Monica Coppola, Silvia Devitofrancesco e Loriana Lucciarini.

download

Quattro storie.

Quattro donne.

Quattro petali della stessa rosa di carne e sangue.

Due più due.

I racconti, infatti, possono essere analizzati come parti di due “sottogruppi”.

american-beauty002

La prima protagonista ritrova un vecchio scatto che la ritrae nuda, dono destinato solo all’ex fidanzato, sui cartelloni pubblicitari della propria città, Bologna; la seconda è una ragazzina bosgniacca che venne violentata dai soldati serbo-bosniaci durante il terribile assedio di Foca, nell’estate del 1992.

kosovo44

Cosa hanno in comune queste due storie, all’apparenza tanto dissimili?

L’uso del corpo delle donne come oggetto di cui servirsi, per fini commerciali o bellici, a servizio e a soddisfazione dell’istinto maschile.

Corpo senza anima e senza dignità, merce di scambio, campo di battaglia.

Donne come bambole di pezza  a cui è negato il controllo.

La terza protagonista cerca di rielaborare gli eventi della propria infanzia traumatica affidandosi ad un uomo menzognero; la quarta diventa il capro espiatorio di un compagno che si porta dietro il peso di una fanciullezza negata.

th

In questo “sottogruppo” il legame è più palese.

Madri assenti, per i più vari motivi, e famiglie violente crescono figli che hanno enormi difficoltà nell’instaurare, da adulti, una sana relazione sentimentale.

Ma, se le donne spesso tendono a ripercorrere le orme della vittima, gli uomini, al contrario, brandiscono la spada del carnefice, in una spirale di sangue che sembra non avere epilogo.

1114993264

Quale soluzione a un orrore che,  nato nei tempi più antichi, ancora oggi si ripropone, sovente degenerando in femminicidio?

L’antologia veicola un messaggio di speranza: grazie alla “parola”, ossia alla condivisione e all’accoglienza delle voci muliebri, si possono raccogliere infiniti petali di rose, affinché, insieme, traccino un percorso profumato su cui le donne, e loro figlie, camminino a piedi scalzi, senza ferirsi.

Emma Fenu

Emma Fenu

Emma Fenu, nata e cresciuta respirando il profumo del mare di Alghero, ora vive, felicemente, a Copenhagen, dopo aver trascorso un periodo in Medio Oriente. Laureata in Lettere e Filosofia, ha, in seguito, conseguito un Dottorato in Storia delle Arti. Scrive per lavoro e per passione. Da anni si occupa di Storia delle Donne, di Letteratura e di Iconografia di genere, gestisce un blog, Cultura al Femminile, collabora con molteplici siti e web, recensisce libri, intervista scrittori, tiene un corso di scrittura creativa e insegna Lingua Italiana agli stranieri. Ha precedentemente pubblicato un saggio, "Mito e devozione nella figura di Maria Maddalena"; un romanzo- inchiesta, "Vite di Madri. Storie di ordinaria anormalità"; una saga familiare "Le dee del miele".

3 comments

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...