Terracotta Daughters : l’esercito delle bambine mai nate

DSCF0321

Le Terracotta Daughters di Prune Nourry, giovane artista francese  residente a New York, sono attualmente esposte nella mostra collettiva Avec motifs apparents presentata al 104 di Parigi. 

Si tratta di un’opera piuttosto singolare che tocca un tema  spesso dimenticato. Un esercito di bambine cinesi realizzate in terracotta ci costringe infatti a ripensare agli orrori provocati dalla politica del figlio unico, una legge rimasta in applicazione in Cina per circa trent’anni e modificata soltanto recentemente.

 

Ispirato al celebre esercito dell’armata degli oltre 6.000 soldati cinesi di terracotta scoperti a Xi’an nel 1974, l’esercito di Prune Nourry presenta invece 108 sculture di soldatesse bambine realizzate  a grandezza naturale. Questo lavoro di grande impatto materializza una riflessione critica sul tema del disequilibrio demografico in Cina e sull’aborto selettivo di genere. Potremmo definirlo una sorta di memoriale ? Credo di sì.

In Cina, come anche in India, soltanto 1/3 della popolazione é composto da donne; questo disequilibrio fra sessi é dovuto a ragioni storico-culturali ben precise legate soprattutto al controllo delle nascite e alla politicadel figlio unico attuata dal 1979 al 2013, anno in cui é stata abolita dalla corte suprema cinese.

I genitori, ancora legati saldatemente ad una mentalità patriarcale, preferivano avere figli maschi e le donne in gravidanza, se in attesa di una figlia femmina, venivano spesso costrette ad abortire, anche se al settimo mese di gravidanza, o addirittura sterilizzate, anche in condizioni completamente disumane.  Questa mentalità sembra continuare ancora oggi,  nonostante il sistema di controllo sia stato modificato. Risultato? Dagli anni ‘80 il numero di uomini celibi non fa che aumentare e questo ha provocato un brutale intensificarsi di violenze di ogni sorta, rapimenti di bambine, matrimoni forzati, sfruttamento e prostituzione. Come se le donne fossero oggetti di cui appropriarsi in tutta fretta prima della loro definitiva estinzione, prima che sia troppo tardi. Come se fossero merci in via di sparizione. E forse è effettivamente così, visto che in Asia mancano all’appello milioni di donne.

“La politica cinese del figlio unico provoca più violenza contro le donnee le bambine di ogni altra politica sulla terra, di ogni politica ufficialenella storia mondiale” Reggie Littlejohn  ( avvocata statunitense, fondatrice di Women’s Rights Without Frontiers, associazione internazionale che lotta contro l’aborto forzato e la schiavitù sessuale in Cina)

Care for girl, una campagna contro il genericidio 

Alla realizzazione di questo progetto ha contribuito l’incontro dell’artista con il Professore Zhu Chuzhu, uno dei più eminenti sociologi cinesi, che proprio nella città di Xi’an porta avanti da moltissimi anni un progetto di ricerca e analisi del fenomeno della selezione dei sessi e che fu fondatore della campagna « Care for girls».

Il contrasto fra la bellezza e la forza del sito archeologico a cui quest’opera contemporanea fa riferimento é forte ed eloquente : l’eco della magnificenza della storia della Cina, rapresentato da uno dei suoi capolavori più conosciuti, patrimonio mondiale dell’UNESCO e fonte di fierezza nazionale, confrontato all’immagine di questo doloroso esercito di fantasmi,  un esercito che rappresenta un enorme vuoto  dovuto  alla selezione di genere, macchia e vergogna della cina contemporanea.

Esercito-di-terracotta-giro-del-mondo-in-80-giorniPrune Nourry

Ma  di chi sono questi volti ?

I volti e i corpi a cui spetta di rappresentare le coetanee mai nate sono bambine realmente esistenti : a partire dal calco effettuato su un campione di 8 bambine incontrate in un orfanotrofio, Prune Nourry ha realizzato una serie di calchi e combinazioni dalle quali sono nate le 116 soldatesse (108 sculture, 8 matrici). Le 8 bambine incontrate grazie all’associazione “ Les Enfants de Madaifu “ fondata da Marcel Roux, ex presidente di Medici senza Frontiere, beneficiano oggi di una «borsa di studio» di supporto per i loro futuro e la loro formazione.

Qui il sito dell’artista Prune Nourry e un video dedicato alla realizzazione delle Terracotta Daughters : http://www.prunenourry.com/fr/projects/terracotta-daughters

Informazioni sulle opere di Prune Nourry attualmente visibili alla Magda Gallery e al 104 di Parigi qui:

http://www.magda-gallery.com/fr/prune-nourry-terracotta-daughters

http://www.104.fr/programmation/evenement.html?evenement=301

Ulteriori informazioni riguardo al disequilibrio demografico in Cina, al controllo delle nascite e alla generazione mancante di bambine e donne mai nate :

http://www.globaltimes.cn/content/814192.shtml#.U1VBdVdGXSg

http://www.unaqualunque.it/a/2514/la-guerra-della-cina-contro-le-donne-e-le-bambine.aspx

http://www.womensrightswithoutfrontiers.org/index.php?nav=reggie-littlejohn

http://www.geniodonna.it/index.php?option=com_content&view=article&id=810:quei-milioni-di-donne-cinesi-che-mancano-allappello&catid=62:generale&Itemid=107

 

12_idem_paris_prune_nourry_11

TCD_0273_04_0030.MR_

 

9 comments

  1. È un bell’esempio di ‘arte impegnats’ come non se ne vedono spesso. Certo deve essere un’opera di grande impatto emotivo già solo a partire dalle dimensioni, approfondendo poi le motivazioni, è di quelle opere di fronte alle quali non ci si puó non soffermare per elaborare un pensiero che conduca alla riflessione e comprendere poi di quante assurdità è capace l’uomo.

    Mi piace

  2. La vergogna di cui parla l’artista é quella dell’utilizzo dell’aborto selettivo di genere, non dell’aborto come scelta. L’orrore su cui fa leva questa installazione é l’imposizione, il fatto che in una società patriarcale si decida che le donne non servono o servono di meno, che é meglio fare figli solo maschi, vista la pressione data dalla legge del figlio unico. Che si possa legiferare creando un piano demografico che incide su temi e questioni che sono private e che devono restare insindacabilmente personali. Ed é vergognoso se si pensa alle violenze atroci che questo meccanismo malato ha provocato sulla vita delle donne.

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...