Quando un programma tv decide come devi essere: Plain Jane la nuova me!

Pubblicato su Un Altro Genere Di Comunicazione

Su MTV va in onda da qualche anno un programma chiamato Plain Jane: la nuova me.

Una serie un po’ banalotta atta a far diminuire l’autostima di tutte quelle ragazze che già a causa di martellanti messaggi che gridano alla perfezione lanciati da televisione, riviste e pubblicità , si ritrovano a non amare il proprio corpo e a desiderare di essere ciò che la nostra società consumistica vuole.

L’espressione Plain Jane indica una ragazza comune, poco curata, insicura, che non si lascia influenzare dai dettami della moda e che all’abito griffato della nuova collezione di Pinco Panco stylist preferisce una comoda tuta o comunque vestiti semplici che non la fanno sembrare ,anche quando va a fare la spesa, una Scarlett Johansson sul red carpet.  Ed è proprio a queste ragazze che si rivolge il programma in questione.

plain-jane

Louise Roe

La bellissima Louise Roe è la presentatrice di questa serie ed  in ogni puntata accorre in aiuto di una Plain Jane, stravolgendo completamente il suo aspetto fisico e cercando ,tramite una serie di prove e di sfide, di far aumentare la fiducia in se stesse. Attraverso un percorso che prevede quindi analisi, sfide e shopping, la presentatrice aiuterà la giovane fanciulla a raffinarsi, avere a che fare con i ragazzi, accettare se stessa e rivoluzionare la propria immagine. Lo stravolgimento avverrà in una settimana alla fine della quale la giovane si metterà alla prova  dichiarandosi al ragazzo del quale è innamorata cercando di conquistarlo durante un romantico appuntamento.

Ho guardato diverse puntante della serie e tutte seguono la stessa trama con tanto di lacrime al medesimo punto, potete trovare un’ampia descrizione di come queste si svolgano qui.

I  messaggi che ogni puntata lancia sono molto lesivi e subdoli, quasi sempre la ragazza che richiede il miracoloso intervento di Louise è una di quelle che in gergo definiremmo secchiona e spesso viene messa in evidenza questa caratteristica neanche fosse un reato. Le parole che maggiormente si sentono durante le varie puntate sono: bella, sexy, affascinante, sensuale, maschiaccio, femminilità; il programma non a caso si basa completamente sull’apparire, sull’essere belle per avere successo nella vita, intendendo come successo nella vita fare colpo sui ragazzi (una carriera? ) .

Louise Roe decide ed impone il vestiario più cool e fashion-secondo la vigente moda del momento-  da far indossare alla Plain

Louise sceglie gli abiti della Plain Jane

Louise sceglie gli abiti della Plain Jane

Jane,decidendo per questa scarpe –ovviamente altissime con le quali non sa palesemente camminare- e lasciandola in balia di truccatori e parrucchieri che stravolgeranno completamente il suo aspetto senza che questa possa dire mi piace o non mi piace, e così ecco capelli accorciarsi e cambiare colore,  unghia smaltate e trucco acceso. L’abito dell’appuntamento, ovviamente, sarà una sorpresa e verrà scelto da Louise. La plane Jane potrà vedere il risultato di tutte queste operazioni solo pochi minuti prima di andare all’appuntamento non avendo così modo di poter eventualmente contestare determinate scelte. Viene tolta alla ragazza ogni facoltà di decidere: la società questo impone e tu così devi fare per essere socialmente accettata, le ragazze nel programma vengono trattate come delle bambole e pur avendo una personalità la devono soffocare, alla faccia di chi dice che l’importante nella vita è essere se stessi. (essere se stessi senza un tacco 12 non è fashion!!! Ndr)

Dopo che la nostra plain jane avrà spuntato tutti i punti della lista per poter rispondere al meglio  ai  canoni estetici imposti dalla società potrà finalmente accedere allo step successivo:  cena romantica e dichiarazione al ragazzo ignaro di tutto.

Ovviamente il ragazzo si presenterà all’appuntamento vestendosi come più gli aggrada, poco importa se indosserà delle havaianas e la nostra plain Jane sembrerà la principessa Sissi al gran ballo con i modi di fare imposti dalla fata madrina Louise ( pensate che in una puntata andata in onda in questi giorni, durante una delle prove, tramite delle leggere scariche elettriche “puniva” una ragazza che non riusciva ad attaccare bottone con dei ragazzi incontrati al supermercato) .

La trasmissione lancia dei messaggi volti quasi a demonizzare l’essere intelligente se non si rispettano comunque determinati canoni e standard di bellezza.

Se dovessimo fermarci alla descrizione del programma senza andare a guardare le puntate, l’idea di aiutare delle ragazze ad acquisire fiducia in se stesse non è male, vedersi diverse talvolta puoi aiutare ad essere più sicure ma questo programma veicola l’idea che ogni problema di autostima, di sicurezza e di successo possa essere risolto diventando belle. All’inizio della trasmissione ci vengono presentate delle ragazze con personalità comunque forti, con obiettivi chiari, che vogliono diventare qualcuno per poi, alla fine,  diventare tutte uguali e omologate. Inoltre il comportamento tenuto durante l’appuntamento, sempre secondo le regole di Louise, lascia intendere che l’unica arma a disposizione per conquistare il belloccio sia questa fantastica trasformazione in cigno.

Quindi l’importante, secondo i dettami di Louise, è apparire e l’essere sicure di se stesse è una conseguenza dell’essere belle e sexy. Tutto gira intorno alla bellezza per avere successo nella vita: se sei bella i ragazzi ti apprezzano,attaccheranno bottone con te quando sei in fila al supermercato, ti lasceranno il numero di telefono per uscire ma  se sei vai a fare la spesa con abiti comodi e senza trucco non ti guarderanno, neanche se con te potessero avere la conversazione più bella e stimolante di tutta la loro vita. Il programma è rivolto ovviamente al mondo femminile, sono le donne che devono essere belle per essere apprezzate e che devono cambiare, non esiste infatti una versione maschile.

Perciò:

1-      Se vuoi avere successo nella vita, non importa se sei una persona geniale, devi essere bella e sexy;

2-      Per essere accettata devi rispecchiare i canoni imposti dalla società, quelli che vengono dettati giorno dopo giorno da star e celebrità, non a caso ogni parrucchiere e truccatore ha curato quando Beyonce quando Jennifer Lopez.

3-      Essere sicura di se stesse significa attaccare bottone con i ragazzi al supermercato o ballare il tango in una piazza di una grande città davanti a tutti.

4-      Bellezza è sinonimo di successo, la tua realizzazione nella vita dipende dal tuo aspetto fisico.

Questi sono i nuovi mostri che la società ci vuole imporre: persone omologate, senza personalità, interessate ai canoni di bellezza imposti dal consumismo.

Plain Jane:la nuova me è ,purtroppo, uno dei tanti programmi che decidono per noi come dobbiamo essere , pensate a il “Brutto anatroccolo, “Bisturi! Nessuno è perfetto”, “Extreme Makeover – Belli per sempre”, “ma come ti vesti!?”, “dire, fare, baciare o a un programma rivolto addirittura ai bambini come “Guardaroba perfetto Kids&Teens!”.

Il reality analizzato sembra quasi volerci far fare un tuffo negli stereotipi imposti dalle vecchie fiabe, in particolare dalla Bella Addormentata. Louise Roe potrebbe infatti interpretare una delle tre fate madrine che donano ad Aurora la bellezza e il saper cantare, delle virtù che bisogna possedere nel momento in cui si vuole conquistare il proprio amato quasi quanto un paio di tacchi 12.

Flora-Fauna-and-Merryweather

Pin@ 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...